Inox per il packaging: 5WL, 6WL, 7GM®, 13SD e 15DP (bugna tonda)

Inox per il packaging: 5WL, 6WL, 7GM®, 13SD e 15DP (bugna tonda)

Scegliere vuol dire escludere, diceva il filosofo Henri Bergson, per questo il packaging è un elemento fondamentale nella relazione tra le aziende e il consumatore finale. Un aspetto delicato della commercializzazione dei prodotti che non si limita alla fase di imballaggio: per avere successo è fondamentale prestare attenzioni specifiche fin dalla produzione dei macchinari di impacchettamento, passaggio in cui l’acciaio inox – in particolare rigidizzato e decorato – ha un ruolo determinante.

Tra le tante finiture offerte dal mercato, alcune sembrano essere predilette dai produttori per specifiche applicazioni.

I patterns 6WL (link: http://inoxcolorato.com/projects-archive/6wl/ ) e 7GM® (link: http://inoxcolorato.com/projects-archive/7gm/ ) , per esempio, sono molto utilizzati nella fabbricazione di cestelli bugnati per le impacchettatrici, per le teste di pesatura delle pesatrici multitesta verticali e per gli scivoli di raccolta inclinata.

Gli acciai inox rigidizzati 13SD (link:http://inoxcolorato.com/projects-archive/13sd/ ) – che ricordiamo essere un prodotto esclusivo Rimex Metals – trova impiego nella realizzazione dei colletti dei tubi formatori delle macchine confezionatrici.

Anche le finiture a specchio trovano spazio nei sistemi di packaging: vengono usate anche loro per i cestelli dosatori (doppi o singoli) e per gli imbuti.

Si notano, poi, differenze di utilizzi anche in funzione del prodotto da imbustare: per alimenti come il caffè, la frutta fresca o disidratata, l’insalata e la verdura, finiture come la 5WL, la 6WL, la 7GM® e la 15DP (conosciuta anche come “bugna tonda” link: http://inoxcolorato.com/projects-archive/15dp/ ), sono preferite dai produttori.

Perchè l’acciaio inox e le sue finiture hanno successo in questo settore? E’ presto detto.

Quattro sono le principali richieste rivolte alle aziende produttrici di macchinari e sistemi di packaging:

  • CARATTERISTICHE TECNICHE ALL’AVANGUARDIA
  • RISPARMIO
  • SOSTENIBILITA’
  • IGIENE e RISPETTO DELLA NORMATIVA EUROPEA.

Gli acciai inossidabili rigidizzati, nello specifico 5WL, 6WL, 7GM®, 13SD e 15DP, è determinante sono grado di soddisfare tutti i requisiti ricercati.

La costante necessità di macchinari sempre più efficienti ed efficaci richiede non solo tecnologie software avanzate (che vedono, addirittura, il contributo delle scoperte del settore aerospaziale!), ma anche l’utilizzo di materiali di altissima qualità, che garantiscano lunga sopravvivenza nel tempo, grande resistenza a trattamenti termici e a condizioni ambientali particolari (si pensi a imballaggi alimentari, farmaceutici o chimici che avvengono in ambienti umidi, corrosivi, a molti gradi sotto zero o che richiedono passaggi di sterilizzazione ad alte temperature).

Per alcuni settori legati al mondo artigiano, è fondamentale che queste caratteristiche siano disponibili anche a spessori ridotti, che consentano di creare macchinari di processing e imballaggio da banco, quindi compatti e leggeri, per cioccolaterie, pasticcerie, gelaterie e simili.

L’acciaio inoxè il metallo che per antonomasia “dura una vita”, è usato in condizioni ad alto rischio di corrosione e sopporta molto bene le temperature particolari. La particolare robustezza portata, poi, dalle finiture rigidizzate incrementa la possibilità di ridurre gli spessori senza inficiarne la resistenza.

Il concetto di risparmio riguarda due voci di costo: tempo e consumi.

Il mercato del packaging richiede che su tutta la linea di confezionamento (dalle macchine riempitrici alle confezionatrici, tappatrici, imbustatrici, astucciatrici, fino alle etichettatrici e alle linee di pallettizzazione) aumentino i ritmi di produzione e attraverso macchinari ad alta velocità che richiedano un mantenimento minimo, in modo da ridurre tempi e costi della manutenzione.

L’acciaio inossidabile applicato a questo settore è una risorsa preziosa: quando vi diciamo che è facile da pulire, intendiamo che non richiede molto lavoro per la sanificazione e che questa si può ottenere senza l’uso di detergenti o sistemi di igienizzazione particolari e costosi.

Le bugnature delle finiture 5WL, 6WL, 7GM®, 13SD e 15 DP, inoltre, incrementano il processo produttivo diminuendo notevolmente l’attrito, rispetto alle lamiere piane.

                I consumatori, a qualsiasi stadio della filiera, mostrano sempre più una coscienza ambientale matura e pongono maggiore attenzione alla sostenibilità dei progetti.

Si cerca il risparmio energetico, la riduzione dei consumi e dei materiali inquinanti e non riciclabili.

L’inossidabile è un materiale d’eccellenza anche in questo frangente.

Oltre ad avere una vita lunghissima, durante la quale non richiede l’uso di agenti inquinanti per la pulizia, una volta esaurito il suo uso è riciclabile al 100%. È una materia prima ecosostenibile che rispecchia pienamente gli ideali della green economy.

Igiene e rispetto della normativa europea sono i temi che negli ultimi anni catalizzano maggiormente l’attenzione e la preoccupazione degli specialisti dell’impacchettamento, specie per il settore alimentare e farmaceutico. È fondamentale assicurarsi che i materiali che entrano in contatto con il prodotto che non provochino deterioramento o contaminazione: non devono rilasciare o trasferire componenti pericolosi per la salute umana, non devono modificarne la composizione o alterarne le proprietà organolettiche.

Criteri che devono essere rispettati non solo nella fase di produzione (alimentare, cosmetica, farmaceutica), ma anche nella fase di confezionamento e, infine, durante l’uso del consumatore finale (si pensi alle padelle e a tutta l’utensileria domestica).

Anche in questo caso la risposta è l’acciaio inox, che NON ALTERA SAPORE – ODORE – COLORE di ciò con cui entra in contatto.

La sua superficie è, inoltre, inospitale per i batteri e facile da pulire.

Non sempre è possibile avere tutto, ma in questo caso l’impossibile è una sfida che gli acciai inossidabili rigidizzati hanno già vinto!

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *